adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Paura 3D

lunedì 18 Giugno, 2012 | di Massimo Padoin
Paura 3D
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

Gli spazi del piacere
I Manetti Bros. sono tra i pochi nel nostro Paese, unici se consideriamo la grande distribuzione, ad assecondare i propri piaceri cinematografici producendo pellicole in cui alla base creativa e realizzativa ci sia un forte senso ludico che dona all’intero progetto una libertà ormai inedita all’interno del nostro cinema.

Appare quindi chiara la riproposizione di quel cinema di genere italiano anni ’70, scevro da vincoli, e che in questi anni sta ricevendo una rivalutazione dal sapore mitico, nonché essere viatico principale per attirare l’attenzione statunitense per la riproposizione, in versione remake, di nuovi progetti.
Il senso ludico della pellicola dei Manetti è percepibile fin dai suoi aspetti anagrafici, come la semplicità del titolo, Paura 3D, e l’apparente esilità della trama, ma è soprattutto con l’implementazione dell’effetto stereoscopico che mostra quanto la realizzazione del film sia stata dettata dal gusto citazionistico per il linguaggio classico del genere, nonché per la possibilità di rimodellarlo. Sono proprio gli spazi della claustrofobica villa, in cui i tre protagonisti sono capitati, che mostrano l’impiego felice della tecnologia tridimensionale, soprattutto per l’elevato senso di profondità regalato negli spazi chiusi e stretti, aumentando il senso ansiogeno, e nella riproposizione di inquadrature abusate all’interno dell’horror, ma che qui ricevono nuova linfa tanto da far dimenticare il loro statuto di cliché visivi.
Accanto a questi dettagli tecnici, interessante è proprio il lavoro sulle cesure spaziali della villa, dove i piaceri sono equamente divisi tra la superficie e il sotterraneo. Se ai tre ragazzi al centro della vicenda l’interesse è dato dalla possibilità di possedere per un intero weekend una villa e svaghi che mai più rivedranno nella vita, e abusarne come non ci fosse un domani cui rispondere come nel paese dei balocchi. Il marchese (la cui vaghezza del nome è dato il significato), proprietario della villa, costretto a rincasare prematuramente facendo saltare i piani ai giovani, è invece il principio di piacere dato dal possesso sessuale e mentale della persona, dal controllo fisico e psicologico che può manifestare nei suoi sotterranei.
Se all’interno della pellicola possiamo trovare tre macrospazi, individuabili dall’uso di linguaggi cinematografici contrapposti capaci di connotarli immediatamente, è quello centrale, che unisce la superficie con il sotterraneo, segnato da inquadrature mai in asse, a diventare la vera causa ansiogena all’interno della pellicola. Perché un altro aspetto apprezzabile di Paura 3D è il fatto, cinematograficamente più sano, di non puntare mai sul semplice spavento, scorciatoia oggi sempre più abusata per fregiarsi di titolo horror, ma al contrario costruendo false piste giocando sulle aspettative dello spettatore per poi tradirle così da accrescere la tensione. Risultato apprezzabile per una pellicola piacevolmente riuscita.

One Comment

  1. Pingback: Die in One Day – Improvvisa o muori - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly