adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il ponte delle spie

sabato 19 Dicembre, 2015 | di Massimo Padoin
Il ponte delle spie
In sala
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

Un uomo tutto d’un pezzo
James B. Donovan, abile avvocato dell’America del 1957, è chiamato come legale d’ufficio per difendere una spia sovietica, il mite Rudolf Abel. James è un uomo che da questa storia ha solo da perderci, la reputazione agli occhi dell’opinione pubblica, della famiglia e dell’agenzia assicurativa per cui lavora, un ruolo tanto infamante ma che per dovere civico decide di accettare, e questo perché l’urgenza è quella di dimostrare come costituzionalmente a chiunque viene garantita una difesa di buon livello, e James proprio in quest’ottica interpreta il proprio ruolo, senza cedere allo sbigottimento generale per il suo impegno.

In James c’è tanto Hitchcock, Il ponte delle spie non racconta solo della difesa ma del compito cui James viene coinvolto casualmente, quasi come il Cary Grant di Intrigo internazionale, nella trattativa di scambio tra Rudolf e un pilota statunitense catturato dai sovietici mentre sorvolava il territorio russo. mediacritica_il_ponte_delle_spie_290Ecco allora che il tranquillo avvocato assicurativo finisce per essere un uomo che sa troppo, in bilico tra due superpotenze antagoniste, che come prova di forza fanno finta di non osservarsi. Il “ponte” cui si riferisce il titolo altro non è che lo spazio in cui Stati Uniti e URSS si trovano a sfiorarsi, nascondendo le trattative che instaurano di segreto e usando altri Stati (la Repubblica democratica tedesca terzo incomodo nell’affare, con tra le mani uno studente americano da scambiare) come palcoscenico di teatro che neutralizza ufficialmente i contatti. Il ponte delle spie racconta la piccolezza di agenzie di spionaggio governative che come bambini non si guardano mai in faccia perché offese le une dalle altre, mentre è proprio James, con la sua inamovibile responsabilità civica, a ergersi come gigante in un gioco che sembra solo più grande di lui, tra spie e agenti governativi che hanno come unico interesse quello di esser spaventati per i segreti non mantenuti delle proprie spie imprigionate. Spielberg realizza una pellicola ricca dal senso del racconto, affianco a una stupenda e affascinante ricostruzione della Berlino scissa, spazio che riverbera le azioni morali di James a New York, quasi parallelamente come mostra la sequenza in chiusura. In un certo senso Il ponte delle spie è una pellicola gemella a Lincoln: se in quest’ultimo Spielberg mostrava come un’icona della storia statunitense si fondasse su un imbroglio per affermare la propria base ideologica costituzionale, è allo stesso modo un imbroglio quello che James mette in atto, a dispetto di tutte le pressioni che riceverà, un imbroglio che riafferma la sua coscienza civica, ma più profondamente identifica una diversa rappresentazione di una figura fondativa nella narrativa americana, quella di un uomo inamovibile dalle proprie convinzioni e tutto d’un pezzo. Spielberg, accanto a una serie di semplificazioni retoriche che ne limitano in parte la forza del racconto, realizza una pellicola mai banale e che genuinamente nasconde dietro l’articolato impianto narrativo la propria urgenza e forza moralmente civica.

Il ponte delle spie [id., USA 2015] REGIA Steven Spielberg.
CAST Tom Hanks, Mark Rylance, Amy Ryan, Austin Stowell.
SCENEGGIATURA Joel Coen, Ethan Coen, Matt Charman. FOTOGRAFIA Janusz Kaminsky. MUSICHE Howard Shore.
Thriller, durata 141 minuti.

3 Comments

  1. Vins says:

    Davvero un film tutto d’un pezzo 🙂 Grande Steven!

  2. Edop. says:

    Prima parte straordinaria! per asciuttezza, per la superkativa “regia pura” e per l’ambiguità che trasmette; La seconda un po’ meno -anche per una paio di inserti un pochettino retorici- ma rimane un signor film!

  3. Abe says:

    Retorico e anticomunista (gli americani hanno disimparato a trattare con dignità i prigionieri, vero Guantamo?): S.S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly