adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Appunti dalla 32ª edizione del Trieste Film Festival

sabato 6 Febbraio, 2021 | di Redazione Mediacritica
Appunti dalla 32ª edizione del Trieste Film Festival
Festival
0
Facebooktwittermail

32° Trieste Film Festival, 21-30 gennaio 2021

Eastern Promises
Di fronte a un festival “tematico”, lo spettatore potrebbe pensare a una chiusura, a una vetrina di film un po’ tutti simili, soprattutto se il festival gioca su una limitazione spaziale molto definita come quella del Trieste Film Festival, che guarda esclusivamente ai film dell’Europa centro-orientale. Giunto alla 32ª edizione, per ovvie ragioni in streaming, il festival diretto da Fabrizio Grosoli e Nicoletta Romeo dimostra invece una notevole apertura di sguardi a superare i confini geografici, segno soprattutto dell’ecletticità del cinema proveniente da quell’area. 

Si prendano i due film più apprezzati dell’edizione: il georgiano Beginning di Dea Kulumbegashvili (che ha vinto il premio della giuria, dopo aver trionfato a San Sebastián) è un’opera prima rigorosissima, densa di trovate formali che portano il contenuto emotivo del film all’implosione.

Father del regista serbo Srdan Golubovic (premiato con il premio del pubblico, come alla Berlinale 2020) è invece un deciso, solido e appassionante film di denuncia, personale e politico, in cui la regia segue da vicino il racconto e il suo personaggio. Due tipi di cinema d’autore lontani nelle premesse e nei risultati, come distanti sono gli approcci, anch’essi squisitamente autoriali, con cui due registi esperti, il russo Andrej Smirnov e il lituano Sharunas Bartas, raccontano precisi momenti della storia novecentesca dei propri Paesi, rispettivamente nel bianco e nero post-nouvelle vague dell’appassionato A Frenchman e nella maestria luministica dell’ostico In the Dusk.

Una ricchezza eterogenea testimoniata anche dalle varie sezioni create per raccogliere tipi e formati filmici poco paragonabili, riuscendo a far convivere – e con la visione in streaming forse è anche più facile – progetti disparati e ugualmente stimolanti. Pensiamo per esempio, nella sezione “Art&Sound”, ad Accidental Luxuriance of the Translucent Watery Rebus, animazione sperimentale diretta da Dalibor Baric (uno dei numerosi frutti della fantastica scuola dell’animazione croata), che guarda a numi come Godard o Brakhage per evocare in modo misterico la memoria del cinema come veicolo per sondare la profondità umana, la sua essenza onirica; oppure al film di un altro regista serbo, My Morning Laughter di Marko Djordjevic, storia di emancipazione personale di un ragazzo attraverso l’assurdo e il bizzarro, che il regista sa ricondurre a una personale estetica dello spazio filmico, della posizione dei personaggi all’interno dell’inquadratura; o ancora a Once Upon a Youth di Ivan Ramljak, il racconto documentario di una gioventù vissuta e perduta attraverso foto e video d’epoca, con le parole dei “sopravvissuti” a fare da filo conduttore.

Se ufficialmente il cinema rumeno è considerato l’avanguardia europea (e la presenza del torrenziale Malmkrog di Cristi Puiu nel festival triestino lo conferma, surclassando i meno entusiasmanti Uppercase Print di Radu Jude e The Campaign di Marian Crisan), i paesi dell’area centro-orientale affrontano i loro demoni moltiplicando le occasioni di riflessione e confronto artistico. Potrebbe essere un esempio per quelle cinematografie nazionali che invece si sono sedute sugli allori.

Emanuele Rauco e Francesco Grieco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly