adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Lei

sabato 15 Marzo, 2014 | di Luca Giagnorio
Lei
In sala
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE SPIKE JONZE
Amore e solitudine nel ventunesimo secolo
Sulle ali del meritato Oscar alla Miglior Sceneggiatura Originale vinto dal regista Spike Jonze, ecco Lei, ovvero come raccontare attraverso una storia d’amore non convenzionale ambientata in un prossimo futuro, una delle possibili derive dell’attuale società tecnologica, nella quale noi sgambettanti creatori finiamo per non essere mai soli in superficie, ma ci sentiamo irrimediabilmente tali di fatto.

In un credibile futuro metropolitano ecco le vicissitudini sentimentali di Theodore, personaggio inquieto cui dà mirabilmente corpo la trattenuta interpretazione di Joaquin Phoenix, sospeso tra i dolci ricordi di un matrimonio da poco naufragato e la possibilità di riempire la propria solitudine con Samantha, ironica e sensuale voce femminile di un sistema operativo (in originale con il timbro inconfondibile di Scarlett Johansson).mediacritica_lei1a Pur nell’involucro ben delineato della commedia sentimentale e dietro la luce dorata che pervade immagini dominate da colori caldi (splendida la fotografia di Van Hoytema), Jonze gira un film meno rassicurante di quanto non sembri con l’ambizione di riflettere sul rapporto ormai pervasivo tra l’uomo e i supporti tecnologici, sull’incomunicabilità affettiva, sulle ragioni della perdita, sulla solitudine – che è soprattutto assenza dell’altro – come comun denominatore della società contemporanea. Samantha esiste, ma non c’è, o meglio “vive” a comando, una presenza/assenza che inizia a farsi tangibile nella vita e nel cuore di Theodore. Rimane come limite quasi invalicabile l’inconsistenza fisica del suadente sistema operativo, che consente però a Jonze di regalarci le due scene più stranianti del film legate all’intimità della coppia: la spiazzante “prima volta” in cui le parole eccitate di Samantha e i gemiti di Theodore, si compenetrano sullo schermo fattosi totalmente nero, suoni senza immagini; la seconda quando Samantha tenta di supplire alla propria mancanza corporea scegliendo una ragazza che la impersoni per consentire all’amato un rapporto sessuale concreto, uno sfasamento disturbante che Theodore non riuscirà a sopportare. Tra le pieghe dello script aleggia palpabile Charlie Kaufman, non tanto quello concettuale di Essere John Malkovich, quanto piuttosto quello di Se mi lasci ti cancello, chiara fonte di ispirazione di Lei che rimane però lontano dalle vette surreali del film di Gondry. Forse troppo preoccupato di trovare un finale plausibile alla sua love story fantascientifica, forse distratto dalla struttura portante della commedia romantica a cui cede con qualche sentimentalismo eccessivo assecondato da uno stile a volte troppo patinato, Jonze sembra non sfruttare appieno le potenzialità narrative e di riflessione sul futuro-presente della sua storia. Tuttavia il tono del racconto, anche grazie a una buona dose d’ironia, è quello giusto e Lei rimane soprattutto una non banale riflessione sull’amore, caleidoscopio delle sue possibili sfumature, delle sue illusioni.

Lei [Her, USA 2013] REGIA Spike Jonze.
CAST Joaquin Phoenix, Scarlett Johansson (voce), Amy Adams, Rooney Mara, Olivia Wilde.
SCENEGGIATURA Spike Jonze. FOTOGRAFIA Hoyte Van Hoytema. MUSICHE Arcade Fire.
Commedia/Sentimentale/Fantascienza, durata 120 minuti.

Lei
3.8 10 76%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly