adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Black Mass – L’ultimo gangster

sabato 10 Ottobre, 2015 | di Marco Longo
Black Mass – L’ultimo gangster
Film History
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE ASSASSINI NATI
Johnny il vampiro
Presentato fuori concorso all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, fotografato da Masanobu Takanyagi, lo stesso de Il caso Spotlight con il quale condivide un mood livido e accuratamente mainstream, Black Mass – L’ultimo gangster è il ritratto biografico del criminale bostoniano Whitey Bulger, dal momento della sua ascesa – siamo nei primi anni Settanta – a quello, più recente, della sua definitiva cattura.

Il film di Scott Cooper è, come da copione, solidamente costruito e risolto a livello visivo, senza tuttavia mai varcare i limiti di una confezione formalmente impeccabile. Nel descrivere la parabola di Bulgar, da capo di una gang di quartiere a criminale di tara nazionale grazie a un accordo di collaborazione con l’amico d’infanzia John Connelly divenuto agente FBI, Scott Cooper si discosta da quasi tutti i precedenti illustri e, inutile dirlo, fallisce di fronte al tentativo di eguagliarli. Non esistono nell’epopea privatissima di Bulgar,mediacritica_black_mass_290 fratello di senatore e personalità sociopatica, i tratti del grande criminale scorsesiano, e neppure i colori e le suggestioni pulsanti del suo ambiente di riferimento. Non esiste, a dire il vero, neppure l’epopea. La stessa Boston non suona mai autentica, bisogna dirlo, profuma di set e di messinscena. Subentra allora il dubbio che la direzione del film non sia affatto quella prevista. A ben guardare, la sceneggiatura di Mark Mallouk e Jez Butterworth sembrerebbe costruita esclusivamente sull’idea del fallimento, capace di gettare le proprie ombre anche nei momenti più vincenti del personaggio. Jimmy Bulger, interpretato da un Johnny Deep sopra le righe, pesantemente truccato, forse neppure è un personaggio fondato sul realismo. È una maschera funerea e malata, dotata di uno sguardo tanto penetrante quanto assente. Non suona fuori luogo scomodare l’immaginario del vampiro per risolverne la lettura: attaccato alla vita che ha costruito e che crede di poter succhiare agli altri, il suo percorso è segnato dalla perdita progressiva di tutte le certezze che questa vita alimentano: un figlio, la famiglia, la certezza degli antichi accordi camerateschi dell’infanzia a Southie. Perfino la nave cui affida le armi per finanziare l’IRA fallisce beffardamente la sua consegna. Quando anche le nefandezze di John Connelly (un buon Joel Edgerton) verranno smascherate, non resteranno per Bulger che la fuga e la vita nell’ombra, nella notte dell’incognito, fino all’arresto finale restituito attraverso le immagini di una telecamera a circuito chiuso. La “black mass” del titolo dunque non è soltanto l’infiltrazione violenta che infesta l’ordine dell’FBI: è il memento mori di ogni parabola che fin dagli esordi cova dentro di sé il cancro della caduta.

Black Mass – L’ultimo gangster [Black Mass, USA 2015] REGIA Scott Cooper.
CAST Johnny Deep, Joel Edgerton, Dakota Johnson, Benedict Cumerbatch, Juno Temple.
SCENEGGIATURA Mark Mallouk, Jez Butterworth. FOTOGRAFIA Masanobu Takanyagi. MUSICHE Junkie XL.
Thriller, durata 120 minuti.

3 Comments

  1. Stefano says:

    Niente male Black Mass, le mie aspettative erano basse e invece è un buon film. Mi è piaciuto anche il Johnny Depp vampirico.

  2. Vins says:

    Che dire? D’accordissimo con la recensione, anche se ho amato tanto il vampirismo di Johnny quanto l’epica criminale asciugata di Cooper. Sarà che sono un suo grande fan, ma ho l’impressione che ci sia un inutile tiro al bersaglio nei confronti dell’autore. Certo, il suo film deve per forza fare i conti con tutto la precedente “materia criminale” ma credo ne esca piuttosto bene, grazie ad un racconto solido, talvolta artificioso e un po’ lezioso, vero, ma anche autentico e ben strutturato.

  3. Ciro says:

    Un film classico e decisamente godibile. Ottimo Depp e grande regia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly