adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Mektoub, My Love: Canto Uno

sabato 26 maggio, 2018 | di Erasmo De Meo
Mektoub, My Love: Canto Uno
In sala
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Gambe, agnelli e molte idee
La vecchia e spesso valida definizione hitchcockiana di cinema diceva che esso è la vita meno le parti noiose, ma ciascuno si annoia per cose differenti. Gli uomini e le donne di Mektoub, My Love: Canto Uno sembrano non annoiarsi mai, vivono la loro estate ballando, passando da un locale all’altro, prendendo il sole in spiaggia e tuffandosi ogni giorno in una nuova eccitante esperienza.

Ogni qualvolta si è tentati dalla stasi, dall’assopirsi nella calda luce del mattino – vedi il protagonista, Amin, che resta con le finestre chiuse steso sul letto a vedere un film muto, Arsenale di Dovzenko – si viene richiamati all’ordine, dove l’ordine è il divertimento, la luce, l’aria aperta, gli amici, le ragazze, tra cui scivolare, senza battute d’arresto, senza possibilità o capacità di riflessione. mediacritica_mektoub_my_love_290Eppure quest’esperienza totale, tradotta pedissequamente da Kechiche in forma cinematografica in una tavolozza di luci, corpi e suoni, grande tre ore, annoia molti, che in sala si chiedono cosa stiano guardando e cosa stia davvero accadendo, si chiedono com’è finito il film e perché dare tanto spazio a sequenze apparentemente ripetitive o superflue. Basterebbero questi dubbi a giudicare (positivamente!) il film, perché se un’opera fa chiedere di sé cosa sia e attraverso di sé cosa sia il cinema, cosa sia l’arte, allora sotto gli occhi e nelle orecchie non abbiamo un prodotto per gusti inscatolati, ma il frutto della libertà e del pensiero sostanziale. Per questa frattura il film è potente, utile, bello.
Amin ha lasciato gli studi di medicina per dare il giusto spazio alle sue passioni: scrive sceneggiature e fa molte fotografie. Per l’estate, in pausa dal lavoro da cameriere a Parigi, torna dalla sua famiglia nel sud della Francia. Qui sorprende la sua amica d’infanzia Ophelie, fidanzata con Clement, a letto col suo amico Toni e, vedendola sotto una nuova luce, ne viene attratto entrando sempre più in un discreto conflitto con sé stesso e con l’ambiente in cui è cresciuto. La sua estraneità ne fa un osservatore privilegiato, sembra l’unico che sa guardare da fuori ciò che accade comprendendo ogni cosa. In sé incarna lo spettatore ideale e l’occhio del regista – sono cose distinte? – e con l’obiettivo della sua macchina fotografica dice di riuscire a catturare il movimento lì dove c’è la vita e viceversa: è attraverso il suo iniziale voyeurismo che il film ha un movente e grazie alla pazienza con cui riesce a fotografare la nascita di due agnelli, abbiamo un simbolo di purezza, sincerità, moderazione che diventa imponente se montato prima di una serata in discoteca sfrenata e sensuale quanto mai. Tra decine di nomi, figure e presentazioni con strette di mano, il vero incontro di Amin è quello con l’unica altra “esclusa” dal divertimento, Charlotte, sedotta anche lei da Toni e abbandonata. Nei loro occhi c’è il fuoco di chi ha visto il caos ed ha scelto l’individualità, l’ordine, la personalità, in loro c’è il cinema di Kechiche che ha scelto le durate lunghe, l’indugio, l’esplicitezza, i corpi-paesaggio, il non ignorare mai che la noia non esiste per chi non si aspetta null’altro che la vita per quello che è.

Mektoub, My Love: Canto Uno [Mektoub is Mektoub, Francia 2017] REGIA Abdellatif Kechiche.
CAST Shain Boumedine, Ophélie Baufle, Salim Kechiouche, Lou Luttiau, Alexia Chardard.
SCENEGGIATURA Abdellatif Kechiche, Ghalia Lacroix. FOTOGRAFIA Marco Graziaplena.
Drammatico, durata 175 minuti.

Mektoub, My Love: Canto Uno
3.7 6 73.33%

One Comment

  1. Moschio says:

    “La vita per quello che è”, Erasmo è proprio così questo capolavoro. Ottima recensione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly