adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Where to Invade Next

sabato 14 Maggio, 2016 | di Eleonora Degrassi
Where to Invade Next
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Questa invasione (non) si addice a Moore!
È un’invasione quella che Michael Moore mette in scena nel suo ultimo film, Where to Invade Next. L’idea del regista è interessante e provocatoria: calare sui paesi europei (e anche sulla Tunisia) e rubare ciò che di migliore hanno per adottarlo in America.

Moore con Where to Invade Next fa qualcosa di diverso rispetto al solito: con la telecamera non interroga i colpevoli di grandi “umiliazioni”, non è nemico pubblico dei grandi della terra. Moore deruba i paesi con la voracità di chi è interessato agli argomenti, ma il risultato è una specie di Bignami di leggi e comportamenti senza spazio sufficiente per essere sviscerati completamente. mediacritica_where_to_invide_next_290In Italia si parla di lavoro, ferie e maternità pagate, in Francia di mense scolastiche ed educazione sessuale, in Germania di qualità di vita e autocoscienza, in Norvegia di sistema penale che recupera e non punisce, in Tunisia di diritti delle donne e così via. Il regista tocca vari temi, non approfondendone però nessuno in particolare; restano impresse solo le parole del padre di una delle vittime di Anders Breivik, veniamo immersi nell’impianto sociale/legislativo norvegese con la sua storia che rimane però fine a se stessa. Il pubblico viene sballottato da un tema all’altro e proprio nel momento in cui si crea il legame tra Nazione e spettatore Moore lo spezza, portandoci in un altro Stato; la sensazione è quella dello strappo violento. Così i poliziotti portoghesi si mixano a quelli americani, picchiatori impenitenti di carcerati, mettendo in atto un cortocircuito che poi non porta a nessuna conclusione perché il regista cambia argomento. Where to Invade Next è poco strutturato, nonostante musica, sequenze di film e immagini di repertorio utili a creare un filo conduttore. La voce di Moore è intrisa di ironia fingendo ammirazione per usi e costumi, bagnandosi di stereotipi (per l’Italia la bramosia d’amore e il lavorare il meno possibile) che non sviscerano però altri problemi (il precariato e l’assenza di lavoro) o contratta dal dolore riflettendo comunque sui mali umani. È intervistatore sagace e cronista mai sazio di domande, è meno anti-sistema del solito: critica gli Stati Uniti ma ricorda anche a se stesso e allo spettatore, in modo auto-celebrativo, che “il buon governo” degli Altri deriva dai suoi connazionali. Where to Invade Next non convince totalmente, o almeno, come un sub con poco ossigeno, quando si immerge è costretto a riemergere; Moore ci ricorda Dorothy di Il mago di Oz che, pur avendo la possibilità di tornare e di farci tornare a “casa”, non la sfrutta.

Where to Invade Next [id., USA 2015] REGIA Michael Moore.
CAST Michael Moore, Claudio Domenicali, Krista Kiuru, Tim Walker, Vigdís Finnbogadóttir.
SOGGETTO Michael Moore. FOTOGRAFIA Rick Rowley, Jayme Roy.
Documentario, durata 120 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly