adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Viale del tramonto (1950)

martedì 4 Settembre, 2012 | di Teresa Nannucci
Viale del tramonto (1950)
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Speciale 69° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

VENEZIA CLASSICI
Il divismo sessant’anni dopo
In un momento in cui il cinema sta ancora smaltendo i postumi del successo di The Artist, la visione di un film come Viale del tramonto di Billy Wilder arriva a rinfrescarci la memoria sulla versione “originale” dello stesso soggetto, trattato con impareggiabile grazia e maestria.

Pur restando in tema di divi del muto rimasti tagliati fuori dall’industria cinematografica con l’avvento del sonoro, i due film vi si approcciano in maniera diametralmente opposta. Mentre in The Artist si stupisce lo spettatore ricorrendo al “genere” muto e cercando di recuperare quella forza dei volti e dello sguardo tanto rivendicata da Norma Desmond, in Viale del tramonto sono proprio le parole a ricoprire un’importanza rilevante. Paradossalmente, infatti, è proprio la protagonista, con la sua voce, a mostrare e intensificare l’epicentro della pellicola, rinforzata anche dall’elemento biografico (totalmente assente nel film di Hazanavicius) che identifica in completa aderenza il personaggio con la sua interprete, Gloria Swanson, dallo sguardo calamitante e una capacità di svelare il suo alter ego cinematografico a dir poco stupefacente. Norma/Gloria trova corpo proprio nelle parole, acerrime nemiche del successo e della felicità delle due attrici, i cui sguardi si identificano tra loro e si deformano, fino a diventare quel primo piano quasi orrifico del finale del film, sequenza entrata a pieno titolo nella storia del cinema. Nel mausoleo di reliquie e mummie (viventi e non: il narratore stesso diventa un divo al momento della morte) che costituisce la casa della diva, l’unico appiglio alla realtà è insito nella figura di Max/Erich von Stroheim, anch’egli impiegato come fantoccio di se stesso. Come i grandi registi del cinema muto erano asserviti allo spirito divistico dell’industria cinematografica, così von Stroheim resta a servire la diva Norma, anche (e soprattutto) nel momento della sua decadenza; tutto questo avviene al contrario di quel che esperisce chi invece ha saputo reinventarsi nel cinema sonoro: per esempio Cecil de Mille che, seppur professionalmente legato a Gloria Swanson, è riuscito a sopravvivere alla grande selezione che l’avvento del sonoro ha comportato. Per quanto, insomma, si possa essere rimasti impressionati da The Artist, senza poter negare il significato che questo film assume in funzione del momento storico in cui è uscito, esso non può essere considerato più di un omaggio all’opera di Wilder, negando quindi ogni definizione del primo come un equivalente contemporaneo della storia di Norma Desmond.

Viale del tramonto [Sunset Boulevard, USA 1950] REGIA Billy Wilder.
CAST Gloria Swanson, William Holden, Erich von Stroheim, Nancy Olson, Jack Webb.
SCENEGGIATURA Billy Wilder, Charles Brackett. FOTOGRAFIA John F. Seitz. MUSICHE Franz Waxman.
Drammatico, durata 110 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly