adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

On the Road

sabato 13 Ottobre, 2012 | di Teresa Nannucci
On the Road
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

Claustrofobia di esterni
On the Road racconta un viaggio. Quello che Sal Paradise (Sam Riley), affronta per trovare l’ispirazione per scrivere il suo libro. Il viaggio, oltre a sbloccare Sal come scrittore, aderisce totalmente alla sua ricerca esistenziale, arricchita dalle persone incontrate lungo il percorso. Personaggi estremizzati, che vedono nel nomadismo la realizzazione della loro filosofia di vita.

Il film di Salles risente in maniera prevedibilmente determinante del libro di Kerouac, ma si concentra soprattutto sugli spazi interni e sulla loro angustia. La strada corre dritta verso l’orizzonte, con riprese statiche e silenziose, dovute alla solitudine di Sal, unico personaggio che davvero cammina sull’asfalto, il solo ad affrontare realmente il percorso, consumando le proprie scarpe. Nonostante si tratti di un film su un viaggio, non troviamo un’abbondanza di immagini aperte e di ampio respiro. Anzi, la maggior parte del film si chiude dentro le stanze e dentro le auto. Spazi chiusi e sempre sovraffollati, in cui la macchina da presa traballante segue il ritmo frenetico e incerto dei protagonisti. Tra di essi rimangono infatti molti silenzi: sebbene essi rivendichino una totale trasparenza e intimità, tra loro restano numerose zona d’ombra. Il risultato finale non eccelle. Salles si lascia sfuggire molte ghiotte occasioni per costruire sequenze e inquadrature di grande valenza artistica o estetica, concentrandosi su dettagli minori, ma non curandosi di porre rimedio ad alcuni blooper obiettivamente evitabili. I protagonisti sono estremi nel loro essere, legati da relazioni promiscue di vario tipo, ma non riescono comunque ad essere incisivi. Le interpretazioni migliori restano così appannaggio dei ruoli secondari, tra cui Kirsten Dunst, Steve Buscemi e Viggo Mortensen. Il film si avvale, inoltre, di troppe ellissi narrative che, oltre ad accrescere il senso di ambiguità, contribuiscono al disorientamento dello spettatore, catapultato nella pellicola senza titoli di testa o riferimenti reali. Solo le didascalie scandiscono il tempo che passa e il passare dei luoghi. Lo spettatore, dall’interno delle stanze che vede, difficilmente potrebbe dedurlo. L’opera si realizza in pieno negli ultimi minuti, quelli che danno circolarità alla trama, e nei titoli di coda, in cui il soggetto sembra finalmente potersi sfogare in tutta la sua ampiezza e semplicità. Resta un plauso per le ottime scelte musicali, che impediscono di lasciarsi assopire da silenzi e ondeggiamenti.

On the Road [id., Brasile/Francia/UK/USA 2012], REGIA Walter Salles.
CAST Kirsten Dunst, Garrett Hedlund, Sam Riley, Kristen Stewart.
SCENEGGIATURA José Rivera. FOTOGRAFIA Éric Gautier. MUSICHE Gustavo Santaolalla.
Drammatico, 124 minuti.

One Comment

  1. Pingback: Goodbye Bukowski - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly