adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Selma – La strada per la libertà

sabato 14 Febbraio, 2015 | di Francesco Grieco
Selma – La strada per la libertà
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Sweet Home Alabama
Perfettamente allineato con il moderato progressismo “politically correct” del guerrafondaio premio Nobel per la pace Barack Obama e apparentemente realizzato in maniera davvero convenzionale, monocorde, poco coraggiosa a livello di regia da Ava DuVernay, quasi in funzione delle nomination agli Oscar, Selma non sarebbe da disprezzare, se solo non fosse un concentrato di retorica e cattivo gusto.

Se fosse necessario condividere l’ideologia di un cineasta per poterne apprezzare il lavoro, la storia del cinema sarebbe monopolio della critica contenutista. Ma così non è, per fortuna, e non bisogna sentirsi meno di sinistra se si sostiene che Selma è un brutto film. E se si pensa che questo film non abbia alcuna utilità nella lotta al razzismo.mediacritica_selma Proprio difficile immaginare un poliziotto statunitense, alla fine della giornata, dopo aver sparato a qualche afroamericano a caso, diventare all’istante paladino dei diritti dei neri, guardando Selma in dvd.
E come potrebbe mai, quando il film, che si prende davvero troppo sul serio senza averne il diritto, come Sorrentino nel Divo estetizza le violenze subite dalle vittime con ralenti disgustosi (le quattro bambine fatte saltare in aria da una bomba in chiesa, l’omicidio di Jimmy Lee Jackson nella tavola calda, il prete bianco di Boston picchiato dai razzisti), nel caso dei pestaggi durante la marcia accompagnati persino da un gospel in sottofondo! Le musiche, nel film, coprono sempre le immagini, che da sole non reggerebbero. Ci sono, poi, palesi inverosimiglianze, come quando, nella scena all’obitorio, il nonno di Jimmy Lee Jackson, Cager Lee, dopo essere stato colpito selvaggiamente alla testa, non presenta nemmeno un graffio. Quanto suona falso, didascalico e poco realistico, inoltre, il discorso di Coretta Scott King al marito Martin Luther, quello sulla “gelida nebbia di morte”, sorprendentemente aulico e introspettivo, in confronto al resto dei dialoghi, che contengono in prevalenza lunghi discorsi del predicatore, rappresentato come una sorta di Gesù Cristo monodimensionale, con l’unica pecca delle scappatelle sessuali. Il film cerca di raccontare tanto il Martin Luther King pubblico quanto quello privato, ma risulta poco efficace e superficiale in entrambi i casi. La scelta di soffermarsi solo sugli anni 1964 e 1965 e sull’organizzazione della marcia di Selma non paga (ben altri risultati aveva ottenuto Spielberg, con procedimento analogo, nel ritratto di Lincoln). Se è questo film banale sull’integrazione tra neri e bianchi che, rifiutando le influenze corroboranti del cinema di genere (tanto valeva sconfinare nell’horror o nel melò), disdegna la vitalità del cinema meticcio che amiamo, a rappresentare il cinema impegnato di sinistra, preferiamo il talento folle di Mel Gibson, il non-pacifista Eastwood, o i nostri tostissimi Vicari e Sollima.

Selma – La strada per la libertà [Selma, USA/Gran Bretagna] REGIA Ava DuVernay.
CAST David Oyelowo, Carmen Ejogo, Oprah Winfrey, Tom Wilkinson, Tim Roth, Martin Sheen.
SCENEGGIATURA Paul Webb. FOTOGRAFIA Bradford Young. MUSICHE Jason Moran.
Biografico, durata 128 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly