adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La felicità è un sistema complesso

sabato 28 Novembre, 2015 | di Luca Giagnorio
La felicità è un sistema complesso
In sala
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

Povero Mastandrea
“Il problema di questo Paese è da sempre la classe dirigente” dice Enrico Giusti (Valerio Mastandrea) quando decide di spiegare in cosa consista il suo misterioso lavoro: convincere i titolari di aziende in crisi a cedere la loro quota di maggioranza alla società che rappresenta, evitando così di distruggere definitivamente l’impresa di famiglia. Il supposto idealista Enrico finge di non accorgersi che i signori Bernini, suoi capi, risanino le aziende in questione tagliando in modo brutale il personale.

Gianni Zanasi torna dopo otto anni dietro la macchina da presa con un film che vorrebbe riprendere gli stilemi della piacevole e briosa commedia agrodolce Non pensarci, peccato che il risultato sia molto lontano dalle intenzioni dell’autore. mediacritica_la_felicita_e_un_sistema_complesso_290Il tentativo di raccontare una delle facce della crisi economica italiana adottando un punto di vista inusuale potrebbe essere interessante se solo Zanasi fosse in grado di discostarsi da una rappresentazione macchiettistica della realtà e dei personaggi. Tra giovani industriali che vogliono lasciare l’agiata vita italiana per trasferirsi in Costarica e Nuova Zelanda e figli di papà che sfogano l’infelicità facendosi di eroina, ecco il diciottenne rampollo di una ricca famiglia trentina che, morti i genitori in un incidente, si trova a dover fare un corso accelerato di economia capendo che lo zio vuole delocalizzare in Romania licenziando i lavoratori italiani. Sconvolto dall’incredibile rivelazione, scoprirà che in paese nessuno gli parla più e assisterà al tentato suicidio di un operaio incazzato che prova a darsi fuoco. Temi così importanti meriterebbero un altro tipo di riflessione, lontana da superficialità, faciloneria e luogo comune, e avrebbero bisogno anche un altro stile di regia, qui oltremodo ridondante e patinata, dove si sprecano le carrellate alla Sorrentino e altri supposti virtuosismi fini a se stessi. L’abbondanza di scene con sottofondo musicale gravano su di un film il cui ritmo diseguale non avrebbe bisogno anche di questa serie di mini videoclip che oltretutto, in almeno un paio di casi (il momento in cui viene raccontata la morte dei genitori di Filippo e Camilla; il finale dove Mastandrea segue in bici un gruppo di skaters), sono in un non invidiabile equilibrio tra ridicolo e cattivo gusto. La felicità è un sistema complesso è un film confuso, che si poggia su una sceneggiatura approssimativa nel descrivere personaggi posticci e privi di spessore (menzione speciale per la “fidanzata israeliana”) all’interno di scene che cadono spesso nel nonsense. Peccato solo che la complessiva pochezza travolga anche il sempre volenteroso Mastandrea, l’unico a beneficiare di qualche reminiscenza di Non pensarci e a farsi interprete delle poche battute azzeccate e di qualche momento riuscito. Che la felicità sia un sistema complesso costituito da variabili semplici è un’opinione condivisibile sulla quale sarebbe interessante discutere, ma senza bisogno di vedere il film.

La felicità è un sistema complesso [Italia 2015] REGIA Gianni Zanasi.
CAST Valerio Mastandrea, Hadas Yaron, Giuseppe Battiston, Filippo De Carli, Teco Celio.
SCENEGGIATURA Gianni Zanasi, Michele Pellegrini, Lorenzo Favella. FOTOGRAFIA Vladan Radovic.
Commedia, durata 117 minuti.

3 Comments

  1. DoubleP says:

    Un film davvero ma davvero… piccolo. Ho amato molto “Non pensarci”, ci sono rimasto proprio male.

  2. claudio says:

    sono d’accordo sulla critica che evidenzia la grande confusione della seneggiatura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly