adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Al di là delle montagne

sabato 7 Maggio, 2016 | di Marco Longo
Al di là delle montagne
Film History
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE MADE IN CHINA
Dopo che tutti saremo capitale
Siamo di fronte a uno dei film più importanti dell’anno, e non soltanto per la cura e la maestria estetica del risultato, di cui il cinema di Jia Zhang-ke, classe 1970, aveva già dato prova da anni, passando per i capolavori Still Life, Leone d’Oro a Venezia, 24 City e A Thouch of Sin.

Quello che in qualche maniera fa di Al di là delle montagne un’opera sorprendente e a un tempo connessa a un discorso già avviato, a dispetto di un titolo italiano scorretto e fuorviante, è la sua capacità di portare avanti il ritratto di una Cina fagocitata dalla cultura capitalistica non più secondo l’asse della spazialità, scansionando cioè come in passato i luoghi, le proporzioni, gli orizzonti e le distanze, mediacritica_al_di_la_delle_montagne_290ma più sottilmente aprendo una breccia nella percezione del tempo che scorre, del rapporto tra passato, presente e futuro, e nella possibile eredità spirituale che attende un’ipotetica generazione a venire nel tentativo, frustrato ma non disperato, di fare ordine nel rapporto ormai scisso tra Storia universale e storia individuale, tra l’epopea del capitale e la necessità delle relazioni, l’urgenza di una memoria individuale, il bisogno di riconnettere la singolarità alla propria origine, alla propria prospettiva di appartenenza. Raccontando, in tre capitoli riconoscibilmente distinti non solo per l’uso creativo dei formati ma soprattutto per l’eterogeneità dei toni, Al di là delle montagne racconta di fatto una storia d’amore tra una donna, un uomo, e il figlio che essi hanno saputo generare entro una cornice di ricerca della felicità guidata dal primato del denaro e del benessere materiale (il nome del bambino è, non a caso, Dollar). Attraverso tre tempi – il 1999, il 2014 e il 2025 – e un mutamento di location che dalla Cina di fine XX secolo conduce all’Australia, e cioè a tutto il mondo, a tutti noi, il film di Jia porta lo spettatore a interrogarsi, più profondamente di quanto sia stato possibile finora nello stesso occidente, sul percorso esistenziale di due generazioni di personaggi per i quali la scelta di accettare e accogliere una dimensione eternamente presente, capace di cancellare il passato al punto di rendere difficoltosa qualsivoglia domanda di futuro, è diventata una condanna e un motivo di dilagante separazione, smarrimento, erranza. Senza nostalgie per un’epoca lontana, anzi prescindendo dalla storia cinese per farsi appunto universale, Al di là delle montagne chiama in causa il proprio pubblico con una domanda prepotentemente novecentesca: quella che riguarda il come vogliamo vivere e specialmente con chi, con quali legami, con quali investimenti personali. E se ancora sia possibile, a fronte di cosa siamo diventati, ripartire dalle persone per costruire, o ricostruire, la società a venire.

Al di là delle montagne [Mountains May Depart, Cina 2015] REGIA Jia Zhang-ke.
CAST Tao Zhao, Yi Zhang, Jing Dong Liang, Zijian Dong.
SCENEGGIATURA Jia Zhang-ke. FOTOGRAFIA Nelson Lik-wai Yu. MUSICHE Yoshihiro Hanno.
Drammatico, durata 131 minuti.

2 Comments

  1. Doctor Zaius says:

    Un film enorme! Di non facile comprensione, e infatti è parecchio sottovalutato… soprattutto per la parte finale

  2. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2016 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly