adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il Grinta

lunedì 28 Febbraio, 2011 | di Andrea Moschioni Fioretti
Il Grinta
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Il Grinta a metà
Che peso ha nel nuovo film dei fratelli Coen Il Grinta la figura del produttore Steven Spielberg? Troppa.

Diciamolo, è il film meno riuscito dei due cineasti americani, e ci si rammarica a pensare a cosa potrebbe essere stato senza la mano del regista di E.T. Come è successo per Hereafter di Eastwood, Spielberg ha influenzato negativamente la poetica e lo stile dei Coen. Certo, magari se fosse accaduto il contrario Il Grinta non avrebbe avuto lo stesso successo di critica e di pubblico (almeno negli Stati Uniti), ma forse un altro respiro. Il respiro dei Coen, magari quello di Non è un paese per vecchi, ritenuto il primo “western” dei due.mediacritica_il_grinta1a Il film è quasi privo del tocco coeniano, sopratutto nel delineamento dei personaggi e nelle situazioni che affrontano. Sia i ruoli maschili che l’unico femminile (la protagonista Hailee Steinfield) non sono all’altezza dei personaggi della filmografia del duo. Si è persa la figura del loser, anche se presente in parte nel personaggio di Jeff Bridges, e il tutto si risolve in situazioni troppo classiche. Le caratterizzazioni sono sicure, hanno pochi conflitti personali e risultano a tratti poco approfondite psicologicamente parlando.

Certo, Il Grinta è un remake, ma questo non toglie che i Coen non si potessero prendere delle licenze autoriali. L’influenza spielberghiana si vede sopratutto in questo e nel doppio finale consolatorio e buonista. C’è chi ha parlato di morte del western, ma si dovrebbe parlare di omicidio autoriale. I Coen avrebbero fatto bene a ispirarsi ai western post-John Wayne (Il Grinta del 1969), quelli della New Hollywood, età a cui il cinema americano di oggi in generale dovrebbe aspirare, il neo western di Soldato blu e Piccolo grande uomo. Il Grinta è quindi un’occasione mancata per un nuovo capolavoro dei pur bravi registi di Fargo. Si esce dal cinema con la convinzione di aver visto un buon film, ma l’amaro in bocca si fa sentire e ci fa dimenticare in fretta una delle pellicole più attese dell’anno.

Il Grinta [True Grit, USA 2010] REGIA Joel e Ethan Coen.
CAST Jeff Bridges, Hailee Steinfeld, Matt Damon, Josh Brolin, Barry Pepper, Dakin Matthews, Domhnall Gleeson.
SCENEGGIATURA Joel e Ethan Coen (remake del film Il Grinta di Henry Hathaway, 1969). FOTOGRAFIA Roger Deakins. MUSICHE Carter Burwell.
Western, durata 110 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly