adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

RED

lunedì 16 Maggio, 2011 | di Mattia Filigoi
RED
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Senilità, questa sconosciuta
Frank Moses (Bruce Willis), annoiato agente della CIA in pensione, quasi si diverte a capire perché qualcuno cerca di ucciderlo.

Dapprima coinvolge nelle sue indagini una riluttante impiegata del servizio pensionistico nazionale (Mary-Louise Parker), per poi attraversare gli Stati Uniti alla ricerca dei suoi vecchi compagni d’arme: il paranoico Marvin Boggs (John Malkovic), il saggio Joe Matheson (Morgan Freeman) e il cecchino Victoria (Ellen Mirren), facendosi aiutare dal suo vecchio nemico russo Ivan Simanov (Brian Cox). Inseguito dal giovane agente William Cooper (Karl Urban), Frank scoprirà che il complotto nei suoi confronti arriva fino al vicepresidente, ma che in realtà, a muovere i fili, è il trafficante d’armi Alexander Dunning (Richard Dreyfuss). Segue obbligatorio lieto fine. La lunga lista di mostri sacri (c’è anche un cameo di Ernest Borgnine) che recitano in RED è una scusa più che sufficiente per alzare le chiappe dal divano di casa e piazzarle comodamente sulle poltrone di una sala cinematografica. Anzi, è l’unico motivo per farlo. Robert Schwentke dirige anonimamente un giocattolone hollywoodiano del tutto innocuo sia dal punto di vista della violenza visiva che delle tematiche trattate: i grotteschi eccessi splatter del fumetto di Warren Ellis e Cully Hamner da cui è tratto il film sono del tutto assenti, e le riflessioni sulla vecchiaia e sui “bei tempi andati” sono ben poco approfondite, quanto meno in confronto a pellicole come I mercenari di Stallone, che sotto quest’aspetto sviluppava discorsi sinceramente commoventi e originali. I RED (Retired Extremely Dangerous, pensionati estremamente pericolosi) sono tutto tranne che vecchietti, non sentono assolutamente il peso degli anni e risultano di gran lunga più vitali dei loro giovani avversari, e se questo giustifica le esplosive scene d’azione, d’altra parte toglie ogni spessore psicologico ai personaggi, rendendo la pellicola la solita fracassona sagra del già visto. Che, nonostante tutto, grazie all’interpretazione divertita degli attori, e in particolar modo dell’invasato John Malkovic, risulta una godibile visione per spettatori di ogni età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly