adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Viaggio in Paradiso

lunedì 4 Giugno, 2012 | di Antonio Morinelli
Viaggio in Paradiso
In sala
0
Facebooktwittermail

Torna il mito dell’anti-eroe
Driver conduce da sempre un’esistenza da fuorilegge. Le ha passate tutte: riformatorio, carcere minorile, la galera tra malfattori della peggior risma. Ormai “passatello”, ha messo in atto l’ultimo colpo, quello che dovrà garantirgli il futuro, magari sulla spiaggia di qualche isoletta tropicale in cui non esiste l’estradizione.

Letteralmente catapultato in Messico al termine di un inseguimento mozzafiato con la polizia americana, anziché godersi il bottino, finisce però rinchiuso in una affollatissima e particolare prigione messicana, “El Pueblito”, vera e propria cittadella del crimine, in cui ben presto si ritrova a lottare per la sopravvivenza con delinquenti sanguinari capitanati da Javi, capoccia indigeno malato di cirrosi, che fa la bella vita grazie alla complicità di autorità compiacenti e poliziotti corrotti. É qui che fa la conoscenza di un bambino che ha un singolare quanto deleterio destino: il suo fegato è compatibile con quello del boss, e dovrà quindi fargli da cavia umana per l’imminente trapianto. Ed è qui che il nostro anzianotto eroe, ribattezzato “El Gringo”, cattura le simpatie dello spettatore che non può far a meno di tifare per lui affinché riesca non solo a salvare il piccolo dall’infame sorte cui sembra ormai destinato, ma anche a mettere in atto i suoi propositi di vendetta e coronare il sogno di una vita. Adrian Grunberg, regista del film e già collaboratore del protagonista Mel Gibson dai tempi di Apocalypto, ne ha scritto, insieme all’attore australiano, anche la sceneggiatura ambientando l’azione in un carcere sperimentale realmente esistito in cui i detenuti convivevano con i familiari in un coacervo di perversa collettività. La location sudamericana è allucinante, a volte surreale; il trash la fa da padrone in ogni angolo di una baraccopoli circondata da mura altissime e filo spinato dove tutto è permesso tranne la fuga. Mel Gibson infine, dopo molti anni, ci regala una perfomance degna degli antichi splendori quando nell’adrenalinico Interceptor sgommava sull’asfalto nei panni di Mad Max, rispolverando l’espressione allucinata che ha reso famoso il Martin Riggs di Lethal Weapon o il piglio vendicativo del Porter di Payback, supereroe scapestrato che riesce nei suoi intenti, ma solo dopo una buona dose di fortuna e dopo averne passate di cotte e di crude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly