adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Rifkin’s Festival

mercoledì 12 Maggio, 2021 | di Stefano Lalla
Rifkin’s Festival
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

Sopravvivere nell’inadeguatezza
L’impegno cinematografico annuale di Woody Allen lo ha portato in Spagna per raccontare un’altra storia legata a un luogo e, stavolta, a un contesto a lui certamente congeniale, quello di un festival cinematografico con tutti i personaggi che gravitano intorno alle proiezioni e agli eventi mondani. Ad allungare la lista dei tanti alter ego del grande comico statunitense, questa volta c’è Rifkin (Wallace Shawn), ex docente di cinema e uomo alle prese coi propri sogni che non ammettono il compromesso.

Coinvolto dalla moglie per un soggiorno disimpegnato, si lascia trascinare facendo tutto il possibile per essere odiato dai registucoli sulla cresta dell’onda; s’imbarca suo malgrado in sogni lucidi e citazionisti (rigorosamente in bianco e nero), tra i ricordi famigliari, il rapporto con le donne più giovani e la presenza opprimente dei maestri europei, Bergman, Fellini e Godard, inarrivabili metri di giudizio della sua opera mai compiuta.

Non si tratta di un nuovo Stardust Memories, però: Rifkin non combatte il pubblico e l’industria, vuole scrivere un romanzo e l’inadeguatezza che lo immobilizza è tutta personale ma, ciononostante, il bisogno insoddisfatto non lo addolora fino a provocargli la nevrosi. Vive la propria mancanza col sorriso beffardo in volto; è incompleto ma presuntuoso perché la consapevolezza gli ha impedito di mettersi in ridicolo come Philippe (Louis Garrel), il giovane e attraente regista che dichiara ai giornalisti di poter offrire delle soluzioni per il conflitto israeliano-palestinese. Persino l’iniziale ipocondria è presto superata, trasformata in pretesto per avvicinarsi all’incantevole dottoressa Rojas.

Il suo soggiorno a San Sebastián è malinconico, la nozione che la moglie lo tradisce è inghiottita rapidamente come fosse una compressa insapore, il litigio è nascosto nelle ellissi temporali; anche l’esistenzialismo bergmaniano diventa presto un’altra occasione per inserire la battuta fulminante, per cercare la risata con punchline stordenti che però, nella maggior parte dei casi, suonerebbero ben più naturali in bocca a un Allen nel pieno della forma. È inutile nasconderlo: permane la sensazione di assistere a un film confezionato per calzare sul corpo di attori del passato, di personaggi appartenenti alla cerchia ristretta della New York intellettuale, quella che abbiamo conosciuto proprio nelle opere maggiori dello stesso Allen. Il finale arrendevole e per nulla disperato pare dirci che l’inverno della vita ha stemperato il suo conflitto interiore anziché acuirlo; sarebbe troppo facile sostenere che ciò indebolisce il significato dei suoi film, la lucidità di Allen a ottantacinque anni è davvero sorprendente.

Rifkin’s Festival [Id., USA/Spagna/Italia 2020] REGIA Woody Allen.
CAST Wallace Shawn, Gina Gershon, Elena Anaya, Louis Garrel.
SCENEGGIATURA Woody Allen. FOTOGRAFIA Vittorio Storaro.
MUSICHE Stephane Wrembel.

Commedia/Drammatico, durata 92 minuti.

2 Comments

  1. Moschio says:

    L’ho trovato fiacco, noioso e ripetitivo. Ho apprezzato solo le citazioni, per il resto anche il cast è sottotono. E io amo alla follia Allen, ma questa volta non ha fatto un film minore ma invece uno spot sulla città e il suo festival. Che peccato 🙁

  2. Cri says:

    Però quando dice che oggi è sufficiente che un film parli della realtà perchè venga esaltato ha pienamente ragione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly