adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La foresta dei sogni

sabato 30 Aprile, 2016 | di Teresa Nannucci
La foresta dei sogni
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Corrispondenze
Arthur vive un rapporto a dir poco travagliato con la moglie, fino a quando scopre che la donna è gravemente malata. Per superare il momento, l’uomo si reca nel bosco giapponese celebre in tutto il globo per attirare ogni anno molti suicidi. Pronto a compiere l’insano gesto, però, incontra un uomo che ha perso la strada per uscire dal bosco. Il percorso a ritroso verso l’esterno permette ai due di confrontarsi tra loro e con se stessi.

Presentato a Cannes 2015 e tratto dall’omonimo romanzo di Robert James Russell, La foresta dei sogni mette in scena il percorso figurato e materiale di un uomo di fronte alla natura giapponese e a quella personale, che alterna momenti di silenzio a ricordi verbosi e retorici. mediacritica_la_foresta_dei_sogni_290Se infatti Van Sant sceglie di cospargere la sceneggiatura con elementi funzionali all’architettura diegetica in maniera a tratti forzata, sono proprio i momenti in cui i due uomini si trovano in silenzio tra gli alberi a costituire le colonne portanti del film: come in Corrispondenze di Baudelaire, con gli sguardi e le sensazioni del protagonista danno vita all’ambiente circostante e animano i tronchi e le rocce. La forza della natura boschiva si rafforza con una gestione dell’obiettivo decisamente instabile, che mostra continuamente il relativismo delle percezioni, impedendo la completa adesione del punto di vista con il protagonista. Gli elementi che invece sfumano questa forza virano a favore di stereotipi e retoriche poco incisive (per esempio il giapponese suicida per problemi lavorativi, il fiore che nasce quando un’anima lascia il bosco e l’ironia su Stairway to Heaven). Gli sforzi maggiori di regista e interpreti si indirizzano verso una lenta cattura emotiva degli spettatori, che si trovano trasportati dalle parole e le intenzioni di uno stupendo Matthew McConaughey. Ancora una volta Gus Van Sant torna a parlare di morte e in questo caso lo fa all’ennesima potenza, attraversando cioè molte delle sue sfumature (il suicidio, o almeno la volontà di morire; il fato; la malattia) e intreccia le variazioni del trapasso con testimonianze dal passato e dal presente, che costruiscono un filo di speranza da seguire in caso di bisogno. Al netto di stereotipi e dialoghi reimpostati, La foresta dei sogni lavora silenziosamente sullo sfondo della natura umana e terrestre guidando verso l’inesorabile realizzazione dei propri limiti di comprensione. L’opera si apre con una chiusura a quanto pare irredimibile per finire di fatto con un’apertura totale a un mondo ricco di possibilità. E se rimane a mezz’asta la sottotrama che insinua il dubbio riguardo alla realtà, l’emotività dell’interazione degli uomini con la natura e tra di loro arriva senz’altro a destinazione.

La foresta dei sogni [The Sea of Trees, USA 2015] REGIA Gus Van Sant.
CAST Matthew McConaughey, Ken Watanabe, Naomi Watts, Katie Aselton, Jordan Gavaris.
SCENEGGIATURA Chris Sparling (dall’omonimo romanzo di Robert James Russell). FOTOGRAFIA Kasper Tuxen. MUSICHE Mason Bates.
Drammatico, durata 110 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly