adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Rosso Istanbul

sabato 4 marzo, 2017 | di Eleonora Degrassi
Rosso Istanbul
In sala
7
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Un ritorno infelice
“Lo spunto è in gran parte autobiografico, parla di uno scrittore-editor che torna a Istanbul, dove è nato, per correggere il libro di un regista alle prese con il suo primo romanzo”: così Ferzan Ozpetek, intervistato da La Stampa, racconta Rosso Istanbul. Sembra passato solo un giorno da Il bagno turco e potrebbe essere una cosa buona, come quando si parla dei grandi amori, invece non lo è.

Non c’è maturazione né crescita nella sua ultima prova, c’è solo autocompiacimento. Nel noir “amoroso” del regista c’è tutto e niente: ci sono Le fate ignoranti con le loro disperate storie d’amore, ci sono Mine vaganti intrappolate nei soliti cliché (lui-lei-l’altro, le figure femminili di una famiglia ingombrante), fantasmi bloccati a guardare La finestra di fronte. mediacritica_rosso_istanbul_290Ogni cosa è mescolata nella vicenda dello scrittore Orhan (Halit Ergeç) che si imbatte nei ricordi d’infanzia della sua Istanbul, attraverso l’odissea artistica e umana di Deniz (Nejat Isler), scomparso nel nulla. I personaggi che affollano la scena sanno di già visto e puzzano di già narrato, dalla madre alla cameriera, da Neval a Yusuf. Emerge fin da subito un’inconsistenza di base, le parole dei protagonisti galleggiano in un mare di frasi fatte (“Niente è più importante dell’amore”) e banalità (“Le separazioni sono per chi ama con gli occhi, chi ama col cuore non si separa mai”), si propongono discorsi mai finiti e troppe storie che rendono incomprensibile capire quale sia la principale. Il melodramma che rende ogni cosa melliflua e pietosa (la storia d’amore tra Orhan e Neval, quella tra Deniz e Yusuf) dovrebbe aver ancor più forza proprio perché Rosso Istanbul è tratto dall’omonima autobiografia di Ozpetek; invece incredibilmente qui manca proprio la sincerità. L’amore, il dolore, la disperazione sono talmente accentuati da muovere con sferzanti scudisciate quelle figurette in balìa dei loro stessi sentimenti, così esasperati da essere poco credibili. È strano che l’atmosfera di Rosso Istanbul non sia poi tanto diversa da quella dei suoi film “italiani”: non bastano i paesaggi, quelli in cui Ozpetek ha vissuto, il Bosforo, le “Mamme del Sabato” per far vivere l’atmosfera della città turca e non di qualunque altra città. Il cineasta italo-turco, che si racconta cittadino del mondo e narratore di molte realtà, torna nella sua terra d’origine senza però tornarci veramente; il risultato è un film confuso che non lascia niente allo spettatore inerme.

Rosso Istanbul [Istanbul Kirmizisi, Turchia/Italia 2017] REGIA Ferzan Ozpetek.
CAST Halit Ergeç, Nejat Isler, Mehmet Günsür, Tuba Büyüküstün.
SCENEGGIATURA Ferzan Ozpetek, Gianni Romoli, Valia Santella (tratta dall’omonimo romanzo di Ferzan Ozpetek). FOTOGRAFIA Gian Filippo Corticelli. MUSICHE Giuliano Taviani, Carmelo Travia.
Drammatico, durata 115 minuti.

Rosso Istanbul
1.38 8 27.5%

7 Comments

  1. Doom Mood says:

    Confermo, duemila passi indietro rispetto agli ultimi suoi film… un film irricevibile

  2. arg says:

    un film orribile. detto da una patita di Ozpetek.

  3. Mickey says:

    Ozpetek non ha più nulla da dire da anni e ancora gli danno i soldi per fare film e ancora li fanno uscire in Italia.

  4. Naty says:

    Non mi e’ piaciuto per nulla questo film confuso e lento

  5. Patric65 says:

    Un film inguardabile! In sala dormivano tutti! Nulla a che vedere con i suoi precedenti! Non vi è trama, non vi è logica e resti nell’attesa che il seguito sia meglio! Soldi persi…..

  6. Efialtis says:

    A me questo film è piaciuto. Dolce e amaro. Dice tutto e non dice niente. È confuso tanto, tanto quanto l infelicità del cuore ma, lascia un sapore dolce ed un sorriso appena iniziato. È speranzoso. E _alla fine uno trova tutto in sé.

  7. Adone666 says:

    Ammazza che zozzeria

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly