adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Alien: Covenant

sabato 20 Maggio, 2017 | di Vincenzo Palermo
Alien: Covenant
In sala
6
Facebooktwittermail
Voto autore:

Cosmologia ibrida
Anno di viaggio 2104. L’equipaggio del vascello di esplorazione USCSS Covenant è in stato di ipersonno insieme agli oltre 2000 coloni che aspettano di atterrare sul pianeta Origae-6. Dopo un’improvvisa tempesta stellare la missione prosegue su un pianeta sconosciuto con caratteristiche fisiche idonee alla colonizzazione umana.

La coscienza del fan si sveglia con i titoli di testa in lenta costruzione nello spazio ostile come nel capolavoro del 1979, ma è con il dialogo tra l’androide David e il suo creatore Peter Weyland che Ridley Scott svela il nuovo corso della saga: un’amalgama tra la deriva creazionistica di Prometheus e la fantascienza claustrofobica innervata di orrore puro. mediacritica_alien_covenant_290Le due anime così diverse si saldano insieme in un organismo perfetto che si avvinghia allo spettatore come il parassita alieno sulla vittima di turno attraverso l’ormai iconica infestazione. L’interessante corpo cinematografico ibrido procede su una costruzione narrativa a scossoni, lungo la rotta percorsa da una space-opera messianica che incontra la carica defibrillante dell’horror d’atmosfera. Se però da una parte il cupo bestiario di H.R. Giger recupera l’estetica mostruosa dello xenomorfo reincarnato in un letale starbeast (tra l’altro, uno dei titoli scelti da Dan O’Bannon per il futuro Alien), dall’altra, la creatura un tempo protagonista assoluta è relegata a strumento accessorio di sterminio perché il vero villain è la macchina senziente. L’arroganza umana sedotta da una bieca volontà colonizzatrice e la smania prometeica degli organismi sintetici producono mostri, non è più il sonno della ragione a generarli. L’eterno scontro tra hybris e nemesis si risolve così in un passaggio di consegne da una cosmologia all’altra attraverso nuovi spazi fisici da conquistare: dagli angusti cunicoli della Nostromo e della nave scientifica Prometheus agli orizzonti infiniti della colonizzazione interstellare, dalla (all’epoca) rivoluzionaria sci-fi di fine anni Settanta alla scoperta di (vecchi) paradigmi filosofici ancora da metabolizzare. Questa la direzione scelta dal nuovo canone di Scott che si rivela essere perfettamente in linea con il nuovo approccio evoluzionistico della fantascienza barocca e meditativa (e dello stesso cinema serializzato del quale Alien: Covenant diventa metafora vivente). Il nuovo prometeo unbound è dunque un organismo sintetico che confonde Percy Shelley con Byron, giocando a mescolare dna divini e codici genetici aberranti. Alien: Covenant, viaggio maledetto nei meandri oscuri della (co)scienza e della tecnica, è l’isola del dottor Moreau che incontra Frankenstein, e quel “cuore di tenebra” conradiano all’origine di tutti i colonialismi umani e alieni.

Alien: Covenant [Id., USA 2017] REGIA Ridley Scott.
CAST Michael Fassbender, Katherine Waterstone, Billy Crudup, Danny McBride, Demian Bichir. SCENEGGIATURA John Logan, Dante Harper. FOTOGRAFIA Dariusz Wolski. MUSICHE Jed Kurzel.
Fantascienza/Thriller/Horror, durata 122 minuti.

6 Comments

  1. freshy says:

    Ma come fate a difendere questo filmacciooo :-O

    • Vins says:

      A me è piaciuto molto per le ragioni che ho scritto. Vado controcorrente, ma davvero non capisco cosa non funzioni in questo divertente e teso mix letale che illumina l’orrore di Alien con i dilemmi uomo-macchina. È ottimo cinema di intrattenimento, assolve perfettamente alla sua funzione di anello intermedio della catena “prometeica”. Wagner, Byron e compagnia bella non vanno presi troppo sul serio. Questa gogna mediatica riservata a covenant mi ricorda l’accanimento nei confronti di A.i. (bellissimo per me!)

  2. Gianpiero says:

    La penso come l’autore del pezzo. Bell’articolo! La gente forse pensava di vedere altro

  3. Molly says:

    Dunque: xenomorfi in assetto da guerra, androidi che aspirano a diventare umani, uomini indomabili colonizzatori di qualsiasi buco terreno o orbitante, riferimenti colti, tono filosofico, orrore che esplode nella seconda parte. È esattamente alien + prometheus. Cosa c’è di male?

  4. DoubleP says:

    Dunque, al netto di 7412 piccoli “bug” e assurdità per i quali è semplicemente necessario far “atto di fede”… un film che mi è piaciuto! Ben sintetizzato dall’autore del pezzo. Forse voto troppo alto, ma il percorso che sta facendo Scott è sensato… per ora 🙂

    • Vins says:

      Sono molto d’accordo. Si tratta di un percorso coerente e sensato, non c’è molto da aggiungere. Mi pare davvero difficile che un film come questo possa scontentare i fan di vecchia data, tanto più che è un Alien al quadrato ben contaminato da letture filosofiche e con un tono messianico da apocalisse cosmica incombente. Davvero troppo accanimento nei confronti di un’opera secondo me onesta e incisiva. Quanto al voto, beh, in genere scelgo di recensire film che mi sono piaciuti molto o, nel caso di prime visioni o inediti non visti, che potrebbero potenzialmente piacermi. Per questo ci sono quasi sempre 3 o 4 stelle 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly