adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Spider-Man: Homecoming

martedì 18 luglio, 2017 | di Filippo Zoratti
Spider-Man: Homecoming
In sala
3
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Hanno ucciso l’Uomo Ragno
Come dicevano i The Cardigans: “Erase and rewind/’Cause I’ve been changing my mind”. Le ragioni del franchise sono più forti delle ragioni della logica, e quindi ad appena tre anni di distanza da The Amazing Spider-Man 2 è già arrivato il momento di riscrivere l’Uomo Ragno, di cambiargli i connotati cancellando con un colpo di spugna quanto era stato prodotto in precedenza.

6 Spider-Man in 15 anni non sono pochi (la media è di uno ogni due anni e mezzo!), il personaggio è – assieme a Batman – quello che più piace, quello in cui forse è più facile riconoscersi in virtù della sua aria “sbarazzina” e leggera, diversa dall’aura aristocratica di un Iron Man o dal respiro mitologico di un Thor. Il vorace consumismo mediale dei 2000 accorcia le tempistiche di fruizionemediacritica_spider-rman_homecoming_290 (c’è stato un tempo in cui, in assenza di streaming e torrent, la seconda possibilità di visione dopo il cinema era solo la tv, e nel frattempo passavano anni) e velocizza il dibattito on line su pro e contro, su letture e interpretazioni, sul successo o meno di un prodotto. Il grande svantaggio – perlomeno per chi scrive – è che all’opera d’arte adesso non è più concesso il lusso di diventare un “classico”, un cult, di rimanere un unicum non riproducibile per un numero accettabile di anni. Oggi, lo Spider-Man 2 di cui sopra lo si elimina mentalmente sui titoli di coda, e non ci si stupisce poi così tanto se con uno schiocco di dita si riavvolge il nastro e si riparte da zero. È il reboot, bellezza, e preso a sé non è neanche così pessimo: Spider-Man: Homecoming riporta appunto “a casa” il supereroe Marvel, abbassando vertiginosamente il target di riferimento fino ad una forma di intrattenimento fumettosa e ludica, pur entro i confini di quel Marvel Cinematic Universe che tutto fagocita. Per capire Homecoming è necessaria la visione di Civil War, perché tutto è collegato, in una babele inestricabile di riferimenti e sottotrame; ma poco male se non lo si è visto, basta una rapida scorsa su Wikipedia e la coscienza è a posto. Per i più forbiti poi c’è anche lo stuzzicante inside joke: il cattivo Michael Keaton (un proletario che non si arrende, e ad un certo punto si finisce quasi per tifare per lui) assume le fattezze “meccaniche” di Avvoltoio, e la mente corre meta-cinematograficamente al Birdman di Inarritu, che sembra un seguito (o uno spin-off) di questo novello Spider-Man. Molti altri ragionamenti si potrebbero fare – ad esempio sul nuovo tipo di pubblico forgiato a forza di blockbuster dalla Disney, ormai proprietaria di gran parte dell’industria mainstream sugli schermi: Star Wars e Pixar, Marvel e Pirati dei Caraibi – ma mentre ci si pensa ci si è in fondo già dimenticati di ciò che si è appena visto sullo schermo. E allora forza, non resta che attendere: il nuovo capitolo di Spider-Man è in uscita a luglio 2019! E se fosse un nuovo reboot?

Spider-Man: Homecoming [Id., USA 2017] REGIA Jon Watts.
CAST Tom Holland, Michael Keaton, Marisa Tomei, Robert Downey Jr.
SCENEGGIATURA Jonathan Goldstein, John Francis Daley, Jon Watts, Christopher Ford, Chris McKenna, Erik Sommers. FOTOGRAFIA Salvatore Totino. MUSICHE Michael Giacchino.
Azione/Avventura/Fantascienza, durata 133 minuti.

Spider-Man: Homecoming
3 12 60%

3 Comments

  1. DoubleP says:

    Ero in sala con una mandria di ragazzini, due file davanti alla mia. Capisco abbassare il target, ma qua si sta rovinando un personaggio per me! E’ la parte scema dell’universo Marvel, quando per me in gioventù Spider-Man ha significato tutt’altro…

  2. WiMi says:

    Il miglior Spiderman di sempre! I due prima con Garfield non mi erano piaciuti per niente

  3. Edop says:

    Gradevole è gradevole, divertente senza dubbio. Però non mi ha entusiasmato. Non tanto e solo per la questione dell’ennesimo reboot (che visto la qualità della serie con Garfield ci stava pure),né per l’adolescentizzazione del personaggio – sulla carta interessante – quanto perché gli elementi più interessanti del mondo Marvel (i riferimenti pop, le letture sociologiche, gli incastri con altre vicende e protagonisti; la serialità etc)mi sono parsi come già visti e risaputi. Mi pare che da un paio di anni la Marvel (con l’eccezione de i Guardiani) abbia un po’ il fiato corto, si ripeta e non riesca a rinnovare gli elementi che invece fino a un paio di anni fa erano il suo punto di forza; io ho questa sensazione, che ne pensate?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly